L'importanza della valutazione della composizione corporea - Studio di Nutrizione e Salute | Dott.ssa Chiara Fantera - Biologa Nutrizionista

Vai ai contenuti

L'IMPORTANZA DELLA VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA

Cosa significa dimagrire? Molti pensano che dimagrire significhi diminuire il peso corporeo e far scendere quel numerino sulla bilancia. Non è affatto così! Non è importante solo QUANTO perdi ma soprattutto COSA perdi!

Per dimagrire in modo corretto, è fondamentale conoscere la composizione corporea, perchè il peso misurato dalla bilancia esprime solo la massa corporea nella sua totalità, l’insieme cioè della massa grassa, dei muscoli, delle ossa e dell’acqua.

Facciamo un esempio: se con un piano alimentare ipocalorico si perdono 2 kg di massa grassa e si guadagnano 2 kg di massa muscolare (perché si è abbinato alla dieta anche l’allenamento), quello che si vedrà sulla bilancia sarà sempre lo stesso numero. Tuttavia, attraverso l’esame bioimpedenziometrico (BIA) eseguito alla prima visita e ripetuto al controllo, l’esperto potrà invece vedere il reale cambiamento attraverso i dati forniti dallo strumento. Una bella differenza!
Altro esempio: potrebbe esserci una perdita di 5 kg come espressione di una perdita esclusiva di liquidi e non di massa grassa (“falso dimagrimento”), cosa che succede spesso con diete troppo restrittive o non equilibrate!
Esistono dunque moltissime possibilità e pensare che le variazioni di peso indicate dalla bilancia corrispondano sempre e solo ad una perdita o ad un accumulo di massa grassa è sicuramente sbagliato.

È per questo che il nutrizionista non può fare a meno di utilizzare il bioimpedenziometro (esame BIA) per valutare e monitorare un buon dimagrimento, attraverso l’analisi delle variazioni della composizione corporea.

Insomma, la perdita di massa grassa in eccesso e il mantenimento o anche un eventuale incremento della massa magra (in particolare della massa muscolare) deve essere il VERO OBIETTIVO di un programma dietetico efficace finalizzato al calo ponderale.

Per saperne di più su questa metodica (le molteplici funzioni, come avviene la misurazione, ecc…), cliccare su STRUMENTAZIONE e poi BIOIMPEDENZIOMETRIA in questo sito internet.
Torna ai contenuti